× Home L'editoriale Il Calderone di Kathleen Luna del Mese Avalon Ordine Druidico di Avalon News Argomenti Download Photo Video Links Contatti

Lunazioni

Come ampiamente documentato nella Sezione dedicata al calendario celtico e alle relative festività, i sacerdoti e le sacerdotesse di Avalon erano molto legati ai cicli dell’anno per celebrare le loro ritualità.
Analogamente alle festività legate al ciclo solare, grande rilievo assumevano le fasi lunari, cioè i vari aspetti con cui la Luna si mostra al nostro Pianeta durante il suo moto di rivoluzione, a seconda dell’orientamento rispetto al Sole.
La durata di tale intervallo è di circa 28/29 giorni, appena inferiore alla durata del mese convenzionale. Data la mancata coincidenza del mese solare con il mese sinodico, ogni anno si verificano tredici lunazioni e pertanto, in un determinato mese, variabile di volta in volta, potremmo avere due lune nuove o due lune piene. La tredicesima luna piena è definita Luna Blu e si verifica ogni 3/5 anni.
Le due posizioni rilevanti erano ovviamente quelle della Luna Nuova (o novilunio) e della Luna Piena (o plenilunio) e quindi era proprio in coincidenza con tali stazioni che si celebravano gli Esbat, i rituali religiosi druidici.
In realtà è opportuno sottolineare che non veniva festeggiata la Luna in quanto tale, ma la Dea, di cui quel pianeta ne era un simbolo.

Secondo il mito celtico, alle varie lune piene era attribuito un nome e un particolare significato, legato anche allo specifico periodo dell’anno, secondo lo schema di seguito esposto. La tradizione Avaloniana le caratterizza con determinati animali che, com’è noto, avevano grande risalto nella cultura celtica; ma ogni folklore ha le sue sfumature e per altre correnti storiche, per lo più successive o legate al neodruidismo, le lunazioni vengono individuate anche con nomi differenti (posti tra parentesi).

Concludiamo con una simpatica filastrocca, probabilmente creata da un Bardo del passato, ideata per consentire a quei popoli di ricordare meglio le antiche tradizioni che, come sappiamo, seguivano esclusivamente la via orale:

A Gennaio la Luna sorge per il Lupi
Il Ghiaccio di Febbraio promette tempi cupi
A Marzo con il vento la Luna è ancora Bianca
E la Lepre di Aprile di saltare non si stanca
Le coppie di Maggio stanno ad amoreggiare
E a Giugno il Miele trabocca nell’alveare
Nei campi le Erbe a Luglio raccogliamo
Le granaglie ad Agosto allegri falciamo
Con Bacco a Settembre il Vino non langue
La Luna di Ottobre si tinge di Sangue
A Novembre la Nebbia dal bosco proviene
E la Luna di Quercia a Dicembre sovviene


Se in un mese due volte la Luna appare
E’ detta Blu e tredici Esbat puoi contare

Finnian

Ricerca Nel Sito

Il Nostro Clan

Il Logo del nostro Clan

Luna Corrente

Copertina del Libro All'ombra del Tempio

Back to Top